Storia del DHEA

Scoperta negli anni '30. . .

La storia del DHEA iniziò nel 1931, con il dottor Adolf BUTERNANDT (1) tedesco che isolò il DHEA nella sua forma libera dall'urina umana.
Questo medico vinse il Premio Nobel per la Chimica pochi anni dopo, nel 1939.

Nel 1944, la forma solfata di S-DHEA fu a sua volta isolata. Solo 10 anni dopo, nel 1954, due ricercatori, Migeon e Plager (2), isolarono il DHEA nel sangue umano e precisi studi istologici (Symington, 1956) (3) indicarono che era prodotto dalla parte interna del corteccia surrenale.

Nel 1958, il francese Max Fernand JAYLE, professore di biochimica alla Facoltà di Medicina di Parigi, riuscì a misurare con precisione la diminuzione quasi lineare del DHEA negli uomini e nelle donne con l'età (il professor Etienne-Emile BAULIEU era uno dei suoi studenti) .

1960: DHEA-S è prodotto dalla corteccia surrenale.

Lo studio del Pr Étienne-Émile Baulieu (4) su un caso di tumore surrenale umano nel 1960, fornisce la prova che il DHEA è effettivamente sintetizzato dalle ghiandole surrenali, ma sotto forma di deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S).

Nell'uomo, il metabolismo di DHEA e DHEA-S è stato particolarmente studiato negli anni '60, in particolare per somministrazione orale o per iniezione endovenosa (il più delle volte utilizzando composti marcati con isotopi radioattivi). Pertanto, sono state confermate la trasformazione del DHEA in DHEA-S e il metabolismo del DHEA in androgeni ed estrogeni. Era importante dimostrare che il metabolismo del DHEA-S porta alla formazione degli stessi derivati ​​del DHEA stesso (Vande Wiele R.L., 1963) (5).

Negli anni '70, una serie di studi internazionali ha suggerito gli effetti benefici del DHEA sugli animali. Questo ampio lavoro è stato condotto su animali da laboratorio (soprattutto ratti e topi) studiando gli effetti della somministrazione di DHEA generalmente miscelato con il cibo.

Kalimi e Regelson (1990) (6), Thijssen e Nieuwenhuyse (1999) (7) e Bellino et al. (1995) (8) hanno dimostrato che il DHEA ad alto dosaggio può:

  • Prolunga l'esistenza degli animali
  • Prevenire alcuni tumori e alcune malattie virali
  • Trattare alcuni tipi di obesità di origine genetica
  • Protezione contro l'aterosclerosi

Questi risultati dovrebbero essere messi in una prospettiva critica. La realtà delle osservazioni non è in dubbio, ma la loro interpretazione e la loro estrapolazione ai problemi umani sono difficili.

Il DHEA ha un'azione antietà. . .

Non è stato fino al 1994 che il professor Samuel YEN dell'Università di San Diego, in California, ha pubblicato i primi risultati di studi positivi sull'uomo confermando che il DHEA ha un'azione anti-invecchiamento. Infatti, la somministrazione di DHEA a pazienti maturi porta a cambiamenti biologici, fisici e psicologici.

Alex Vermeulen, professore al Ghent Hospital, ha tenuto la prima conferenza internazionale sul DHEA, organizzata dalla New York Academy of Sciences, nel 1995: "Il DHEA ha un effetto positivo sul benessere, la risposta alla vaccinazione, la memoria ed è molto attivo contro aterosclerosi. Fu nello stesso anno che DHEA fu approvato dalla FDA negli Stati Uniti.

Nel 1996, presso l'ospedale Laval in Quebec, Fernand Labrie ha scoperto un aumento molto significativo della densità ossea nei soggetti trattati. Questa è la prova della grande importanza del DHEA nella lotta contro l'osteoporosi. Infine, altre osservazioni hanno stabilito da un lato una relazione tra l'assunzione di DHEA e la riduzione del sovraccarico di grasso e dall'altro la riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare.

Nota: è stato riscontrato che il livello ematico di DHEA nelle persone infette dal virus dell'AIDS è molto basso.

Copertura mediatica della "pillola della giovinezza" 

Allo stesso tempo, negli Stati Uniti è iniziata la pubblicità sul DHEA, dopo uno studio pubblicato presso la University of San Diego School of Medicine. I ricercatori, che hanno voluto mostrare gli effetti del DHEA sull'organismo, hanno mostrato un miglioramento del benessere fisico e psicologico dei pazienti, del loro sonno, nonché una maggiore capacità di combattere lo stress.

Altri studi avevano anche accennato ai benefici che il DHEA potrebbe apportare in un gran numero di malattie come: diabete, obesità, cancro, dermatosi, ecc. . .

Da quel momento in poi, il DHEA è stato molto discusso dai media ed è stato presentato come "l'ormone della giovinezza".

L'anno 2000. . .

All'ospedale Broussais di Parigi, i professori Jayle e Kazatchkine hanno somministrato 100 mg/die per 4 mesi a soggetti sieropositivi con il virus dell'AIDS. Finora non sono stati osservati effetti tossici. I risultati non sono stati ancora pubblicati. È stato anche scoperto che il DHEA aumenta la sensibilità agli ormoni tiroidei, migliorando la termogenesi, il metabolismo nelle persone in sovrappeso e la produzione di energia.

Nell'aprile 2000, il professor Baulieu (9) ha pubblicato i risultati dello studio "dheâge" che ha studiato 280 volontari di età superiore ai 60 anni che assumevano DHEA a 50 mg/die per un anno. I risultati sono provati e positivi per le donne.

È probabile che gli uomini richiedano dosi più elevate (75-100 mg/die).

Nel novembre 2000, svolta decisiva, le autorità sanitarie francesi autorizzano la vendita di DHEA. Tuttavia, DHEA non ha ancora un AMM (Marketing Authorization) in Francia, ma, grazie a una scappatoia legale, può essere venduto in farmacia, sotto forma di preparato magistrale.

Oggi

È il tuo turno di godere dei benefici di questo rimedio universale, come già fanno milioni di persone.

Raccogliamo ogni giorno testimonianze di persone felici e soddisfatte.

Bibliografia:

  1. Butenandt A. e Dannenbaum H., 1934. Fisiolo Z, vol. 229, 192.
  2. Migeon CJ e Plager JE, 1954. J Biol Chem, vol. 209, 767.
  3. Symington T., Duguid WP e Davidson JJ, 1956. J Clin Endocrinol Metab, vol. 16, 580.
    Effetto della corticotropina esogena sul modello istochimico della corteccia surrenale umana e un confronto con i cambiamenti durante lo stress.
  4. Baulieu EE, 1960. CR Acad Sci, vol. 251, 1421-1423.
    Esteri-solfati di steroidi ormonali. Isolamento di 5-androstene estere-sulfasi 3b-olo 17-one (deidroepiandrosterone) da un tumore surrenalico. Assenza di steroidi liberi.
  5. Vande Wiele RL, MacDonald PC, Gurpide E., Lieberman S., 1963.
    Recenti progressi nella ricerca sugli ormoni, vol. 19, pagg. 275-310. Studi sul segreto e sull'intervento.
  6. Kalimi M. e Regelson W. eds, 1990.
    Il ruolo biologico del deidroepiandrosterone (DHEA) (Walter de Gruyter Pub.).
  7. Thijssen JHH e Nieuwenhuyse H., 1999. Parthenon Publishing Group, DHEA una rassegna completa, p.35-68 – Neurosteroidi neuroattivi: DHEA e DHEA-S.
  8. Bellino FC, Daynes RA, Hornsby PJ, Lavrin LH, Nestler JE Vol. 774. 1995 Ann. NY Acad Sci. DHEA e Invecchiamento.
  9. Baulieu EE et al, 2000. Atti della National Academy of Sciences, USA. Volo. 97, n.8, p.4279-4284. DHEA, solfato di DHEA e invecchiamento: contributo dello studio DHEAge a un sociobiomedico.