DHEAUSA.COM

  DHEAusa.com en Français                                                           
Français         English         Español       Português       Deutsch         Italiano

DHEAUSA.COM

  DHEAusa.com en Français                                                           
Français         English         Español       Português       Deutsch         Italiano

   DHEAUSA.COM

     DHEAusa.com en Français                                       
   Français     English     Español   Português   Deutsch    Italiano

Diabete e DHEA

Un calo dei livelli di DHEA-S è associato allo sviluppo del diabete di tipo 2.
 

Il DHEA sembra aumentare la sensibilità all’insulina. La resistenza all’insulina è un indicatore precoce del diabete di tipo 2 ed è strettamente associata all’obesità, che sono due dei principali rischi di malattie cardiache.

Tra le donne con ghiandole surrenali compromesse, è stato dimostrato che l’assunzione di DHEA aumenta significativamente la sensibilità all’insulina. Il DHEA può quindi essere un trattamento prezioso per il diabete di tipo 2. È stato anche dimostrato che il DHEA aumenta questa sensibilità nelle donne obese.

Studi clinici

  • In uno studio del 1993 su una ragazza di 15 anni con diabete di tipo 2, il professor C. Buffington ha riferito che una dose di 150 mg di DHEA due volte al giorno ha portato a un netto miglioramento della sensibilità al insulina come indicato da un miglioramento del 30% del livello di tolleranza all’insulina orale, una velocità di sintesi del glucosio tre volte maggiore e un aumento del 30% del legame del glucosio all’insulina. Il DHEA ha quindi permesso di aumentare la sensibilità all’insulina e quindi di migliorare lo stato diabetico.

  • Studi condotti dal Dipartimento di Medicina Sperimentale e Oncologia, Sezione di Patologia Generale, Università degli Studi di Torino, mostrano che lo stress ossidativo gioca un ruolo cruciale nella patogenesi delle complicanze diabetiche croniche. I ratti normoglicemici e resi diabetici dalla streptozotocina sono stati trattati con DHEA (4 mg / die) per 3 settimane. Alla fine del trattamento, sono stati valutati i livelli di acido idrossinonenale, acido idroperossiicosatetraenoico, antiossidanti, nonché l’attività della Na / K-ATPasi e la composizione della membrana degli acidi grassi negli omogenati renali. L’iperglicemia cronica ha determinato un marcato aumento dei derivati dell’idrossinonenale e della lipossigenasi e una diminuzione sia del livello di glutatione che dell’attività della membrana Na / K-ATPasi. Il trattamento con DHEA ha ripristinato il livello di antiossidanti a livelli normali e ridotto significativamente i livelli di acido idrossinonenale e acido idroperossiicosatetraenoico. Inoltre, il DHEA ha compensato l’effetto negativo dell’iperglicemia sulla funzione di membrana: la diminuzione dell’attività della Na / K-ATPasi negli animali diabetici è stata fortemente inibita dal trattamento con DHEA. Questi risultati mostrano che il DHEA riduce lo stress ossidativo e l’aumento dei residui prodotti dalla lipossigenasi indotta dal diabete nel rene dei ratti sperimentali. Suggeriscono anche che riducendo la risposta infiammatoria allo stress ossidativo, il trattamento con DHEA può ritardare la progressione della nefropatia diabetica.